• MVPshop

Pesi per allenare i bicipiti


Per poter snellire le braccia il solo esercizio non è certo sufficiente, in effetti serve ben altro per avere una forma di bicipite che si sta cercando da tempo. Molti degli esercizi che si possono svolgere con i pesi per allenare i bicipiti sono semplici da effettuare, si adattano sia agli esperti del fitness che a coloro che si avvicinano a questa disciplina per la prima volta.


Una scheda veramente molto efficace, che permette di snellire le braccia e di permettere a chiunque di perdere i centimetri alle braccia, che si desiderano. In effetti, capita spesso che le braccia sia la parte difficile del corpo, quella su cui l’intervento sembra quasi impossibile, ma non è proprio così.


Tra un’infinita vastità di esercizi tra cui scegliere occorre essere in grado di decidere quali siano i più efficaci. Consigliandoti di rivolgerti comunque a degli esperti, ti vorremmo dire che, in effetti potremmo darti qualche consiglio.


Allora sai cosa facciamo? Adesso ci sediamo qui e ti scriviamo alcuni di quelli che per noi sono i migliori allenamenti, non prima però di averti dato alcune indicazioni specifiche.


Pesi per allenare i bicipiti: per iniziare

I bicipiti sono in genere quella parte del braccio che si allena in maggior misura rispetto ad altre parti del corpo e questo è innegabile. Da cosa dipende questa specie di mania dei bicipiti?


Dal fatto che in effetti, si tratta della zona del braccio che maggiormente viene esposta alla vista di tutti e quindi si desidera averla ben tonica. Ovvio che per avere dei risultati che siano memorabili occorre del buon allenamento.


Fortuna che i bicipiti mostrano fin dalle prime settimane di allenamento i risultati che si ottengono con degli esercizi specifici. Quindi quello che serve è solo una buona routine di allenamento.


In realtà ti possiamo dire che non sono poche le routine di allenamento che vengono utilizzate per rassodare i bicipiti, quello che è importante è innanzitutto di ricordarsi di fare del riscaldamento preventivo e poi, procedere con estrema cautela e non forzare subito il proprio corpo rischiando degli infortuni.


Perché in fondo è proprio questo il compito del riscaldamento, quello di evitare qualunque lesione. Sai cosa potremmo dirti a questo punto? Che per svolgere un riscaldamento efficace ci sono 3 modi:

  • poggiare il palmo della mano su un muro, procedere premendo il braccio contro il muro al fine di far arrivare il petto fino a dove l’estensione del braccio consente. Tenere la pressione per almeno 15 secondi. Procedere con 5 movimenti per ogni braccio;

  • in questo secondo caso occorre un bilanciere privo di manubri, si devono allungare le braccia e con entrambe i palmi verso l’alto si tiene la barra per 30 secondi. Puoi poi ripetere l’esercizio con i palmi rivolti verso il basso. Porta ora la barra al petto e ripeti. Si consiglia di ripetere l’esercizio 30 o 40 volte prima di iniziare il vero allenamento;

  • la terza modalità di riscaldamento è quella utilizzata più di frequente. Si tratta del classico vogatore, sì, il macchinario per l’allenamento. Devi procedere in maniera molto lenta, andando a regolare la resistenza su un valore medio e aumentando la velocità in maniera graduale. Sottoporsi all’esercizio per almeno 10 minuti, prima di utilizzare i pesi per l’allenamento.

Pesi per allenare i bicipiti: gli esercizi


Ma ora bando alle ciance, abbiamo già chiacchierato troppo e ancora non ti abbiamo indicato quelli che per noi restano i migliori esercizi per allenare i bicipiti. Vediamo alcuni di quelli che per noi sono i più efficaci.

  • Ricciolo a martello

Da ripetere in 4 serie da 10 ripetizioni l’una. In genere si consiglia di riposare almeno un minuto tra una serie e l’altra. Si deve afferrare un peso per ogni mano.


In piedi con le braccia lungo i fianchi, è importante assicurarsi che i palmi delle mani siano rivolti all’interno. I gomiti vicino ai fianchi, si deve sollevare i pesi compiendo un movimento semicircolare in avanti.


Occorre portare i pesi alla spalla senza toccarla. Poi abbassare il peso lentamente per tornare alla posizione di partenza.

Ripetere l’esercizio anche con l’altro braccio. Mica vorrai allenare un braccio solo no?

  • Predicatore con manubrio

Ecco un altro esercizio molto efficace. Si consigliano questa volta, 3 serie da 10 ripetizione per ognuna, con 1 minuto tra una serie e l’altra.


Occorre un manubrio che con la mano destra deve essere posizionato su una panca da predicatore. Il braccio deve essere poggiato sulla parte superiore della panca e il manubrio sopra alla spalle.


Mentre il manubrio viene abbassato si deve inspirare, mentre si alza espirare. Nell’espirazione occorre contrarre i bicipiti mentre si porta il manubrio alla posizione di partenza. Alternare le serie con entrambe le braccia.

  • Arricciatura con bilanciere

Ecco l’ultimo degli esercizi che si possono compiere per allenare i bicipiti. Si consiglia di eseguirne 4 serie con 10 ripetizione ognuna.


Tra una serie e l’altra è importante sempre concedersi almeno 1 minuto di pausa. Si tratta di uno degli esercizi più interessanti e anche più efficaci quando si vuole aumentare la densità del braccio nella sua zona anteriore.


Afferra la barra e piega leggermente le ginocchia cercando comunque di mantenere il corpo in posizione eretta. Quindi procedere sollevando lentamente la barra portando le mani all’altezza delle spalle.


La frequenza con cui si alza e si abbassa la barra non dovrebbe essere sempre la stessa. In genere per il sollevamento ci vogliono circa 3 secondi, per abbassarla invece 6 secondi.

  • Ricciolo del predicatore con carrucole

Anche questa volta si consiglia di procedere con 4 serie con 10 ripetizioni ognuna. Si consiglia di utilizzare un peso che non sia eccessivo per poter eseguire l’esercizio nel migliore dei modi.


Quello che serve è innanzitutto la barra del predicatore e davanti una macchina della puleggia. Ci si siede sulla panca e le braccia tese devono essere entrambe appoggiate sulla parte superiore della panca del predicatore.


Quindi afferrare la batta attaccata al cavo della puleggia e avvicinarla alle spalle dopo averla afferrata con entrambe le mani. Tieni la carrucola in posizione per qualche secondo e inizia in maniera molto lenta ad estendere le braccia fino a quando non si torna alla posizione iniziale.


Ripetere per le serie che sono state indicate.

  • Curvatura alternata con manubri

Si consiglia di utilizzare un peso che non sia eccessivo. Procedere con 4 serie da 20 ripetizione, ognuna di essa dovrebbe essere intervallata da una pausa di almeno 1 minuto.


Occorre un manubrio che deve essere tenuto in mano, mentre le braccia restano estese su entrambi i lati del corpo. Mentre le mani sono rivolte verso i fianchi, i gomiti devono restare vicino al tornio.